lunedì 24 luglio 2017

Berta 8 mesi la signora è incinta e il suo ginecologo le ha consigliato di togliere il cane



Berta 8 mesi la signora è incinta e il suo ginecologo le ha consigliato di togliere il cane che avevano trovato pochi mesi prima. Quindi per la povera Berta questo è il secondo abbandono che subisce a distanza di pochi mesi. La piccola è molto sensibile ai cambiamenti e inizialmente per lei è stato difficile adattarsi alla sua nuova vita con noi. Aiutateci a far sì che la sua permanenza da noi sia breve così da non farle subire un nuovo shock. Berta è adatta a tutti è una piccola taglia non supera i 10 kg

Perla un anno di età carattere dolcissimo e 6 kg di peso







Perla un anno di età carattere dolcissimo e 6 kg di peso una combinazione perfetta penserete e invece no, perché gli amorevoli proprietari l'hanno mollata con una delle solite ed insulse scuse: trasferimento all'estero e per questa poveretta ovviamente non c'era posto... un particolare però ci ha lasciato basite quando ci hanno portato la cagnetta la proprietaria anzi ex, aveva un chiwawa di soli 2 kg in borsetta!!!!!!! Quindi la verita' era che perla era solo stata sostituita da un cagnetto ancora piu' piccolo di lei... Noi non abbiamo più parole per commentare.... le poche che ci restano le vogliamo spendere per questa creatura affinché trovi una brava famiglia che l adotti e la ami per sempre e che non la sostituisca come hanno fatto questi "signori". Aiutateci!

Baffy è una spinoncina di circa 5 mesi. La solita allergia del bambino






Baffy è una spinoncina di circa 5 mesi. La solita allergia del bambino ha fatto sì che la piccola venisse messa alla porta dagli amorevoli proprietari che non hanno esitato un attimo a portarla in canile. Li però la piccola non mangiava così il gestore della pensione ci ha chiamato chiedendoci aiuto. Oggi Baffy che è in uno stallo casalingo si è tranquillizzata ma merita più di altri una famiglia.

Lei è Alberta 6 mesi abbandonata da chissà chi al canile sanitario






Lei è Alberta 6 mesi abbandonata da chissà chi al canile sanitario il suo destino se non l'avessimo presa noi sarebbe stato o il canile a vita o la riemmissione sul territorio come la legge regionale campana prevede. Bene noi non c'è la siamo sentita di non dare a questa cucciolona meravigliosa l'opportunità di una vita in una famiglia ma per far si che questo accada abbiamo bisogno di voi! Se non potete adottare condividete facciamo si che la piccola trovi la serenità che merita

Misha ha solo 4 mesi e già conosce l'orrore e la paura.








Misha ha solo 4 mesi e già conosce l'orrore e la paura. È l'unica sopravvissuta di una cucciolata di 6 buttata da qualche bastardo in un sacchetto della spazzatura vicino ad un cassonetto. I cuccioli sono stati recuperati da una ragazza che ha visto il sacchetto muoversi... purtroppo però nulla c è stato da fare per gli altri 5 che già erano morti per asfissia. L'unica che ancora lottava x uscire dal quel buio pesto era lei la piccola Misha. Oggi Misha sta bene è stata curata vaccinata e chippata aspetta solo che qualcuno di voi si faccia avanti per donare una casa lei vi ricambiera' con tanto tanto amore

Betty 2 anni è la cagnetta di un carcerato. Ha sostato fuori al carcere di Poggioreale per giorni








Betty 2 anni è la cagnetta di un carcerato. Ha sostato fuori al carcere di Poggioreale per giorni e giorni aspettando che il suo compagno di vita uscisse prima o poi da quella porta. Purtroppo questo non accadrà e quel marciapiede per Betty era diventato pericoloso, così dopo numerose telefonate ci siamo decise ad accogliere anche lei nella nostra tribù. Betty è una cagnetta deliziosa, buona e soprattutto intelligentissima. È una taglia piccola non supera i 10 kg adatta a tutti anche a famiglie con bambini

Iaia 2 mesi e mezzo comprata al mercatino delle pulci per 30 euro





Iaia 2 mesi e mezzo comprata al mercatino delle pulci per 30 euro. Portata a casa dal signore che l'aveva acquistata ed è stato investito dalla ira della moglie che assolutamente non voleva animali in casa portatori delle peggio malattie e così il signore si è trovato a vagare in strada con la piccola Iaia in cerca di qualcuno che la prendesse. Ovviamente si è imbattuto in una di noi e morale della favola Iaia è con noi. È una cucciola meravigliosa e farà la gioia di chi l'adotterà.

Juanito 3 mesi taglia grande simili pastore da montagna









Juanito 3 mesi taglia grande simili pastore da montagna bellissimo e dolcissimo è stato abbandonato al canile sanitario i vigliacchi di turno lo hanno legato al palo della luce fuori all'entrata principale. Oggi Juanito è con noi, necessita di una veloce adozione 

giovedì 20 luglio 2017

Aggiornamento LUCILLA: langue ancora in pensione



Aggiornamento Lucilla: langue ancora in pensione... nonostante numerose condivisioni per lei nulla ne un euro per toglierla dal canile e metterla in uno stallo casalingo ne tanto meno una richiesta di adozione. Per chi non la conosce o non la ricorda questa la sua storia: Immobile con un cartello al collo: lo sguardo nel vuoto e un piattino ai suoi piedi: abbiamo fame. Questo aveva scritto il ROM che le sedeva accanto tra bottiglie vuote di birra e alcool. Sotto il sole e la pioggia lei era sempre li condannata al buio eterno degli occhi e del cuore. Finché una carezza sulla testa ha svelato la terribile realtà: Lucilla era cieca e il suo carceriere la sfruttava x impietosire e Guadagnare soldi x comprarsi da bere. La carezza di una signora che non ha tirato Diritto ha liberato la povera cagnolina dalla sua prigione silenziosa. I vigili sono intervenuti e ora Lucilla è con noi una altra anima da curare: l ennesima per le nostre tasche vuote... per lei che ha bisogno di farmaci e terapie x rimettersi dopo la vita di stenti e maltrattamenti vi chiediamo ancora una zampa. Piccola non importa ma preziosa x fare anche questo ennesimo miracolo: Lucilla merita una vita felice è un cane dolcissimo. E noi insieme a voi ce la metteremo tutta x realizzare il sogno: una famiglia che possa amarla come merita. Grazie grazie grazie di cuore x quel che potrete fare. 

IBAN: IT52 K032 9601 6010 0006 4269 552 Intestato a "Le amiche di Lù - Onlus " 
 POSTEPAY: n° 4023600651459499 TSTSRN71T47F839E Intestata a Sabrina Testa

giovedì 13 luglio 2017

Jeky 5 anni...non basta essere buono ed ubbidiente..nulla basta contro l'ignoranza




Jeky 5 anni buono dolce e ubbidiente deve andare via in fretta dalla casa dove è nato e cresciuto. Lo ha deciso la pediatra della famiglia di Jeky  che ha stabilito senza fare nessun tipo di analisi che le macchiette rosse presenti sul corpicino del figlio di questi signori sono dovuto ad una reazione al pelo del cane. Quindi come soluzione ha messo per iscritto che il cane deve essere allontanato al più presto da quella casa. Jeky quindi che fini a 9 mesi fa era il figlio unico e viziato della famiglia ora non serve più anzi addirittura fa ammalare il bimbo. I signori con i quali abbiamo litigato stamane non vogliono cambiare pediatra e in via caritatevole aspettano un pochino prima loro testuali parole "di abbandonare il cane". Noi non abbiamo più un buco libero siamo al collasso ma non possiamo permettere che alla ignoranza di questa gentaglia a pagarne le conseguenze sia questa creatura. Aiutateci nel più breve tempo possibile a trovare una sistemazione al povero Jeky

mercoledì 5 luglio 2017

Storia triste.....INSIEME possiamo anche l'impossibile






Provate a immaginare: si è dedicato anima e corpo ai suoi vecchi genitori, ma poi alla loro morte il padrone di casa ha messo per strada lui e la sua cagnetta di 16 anni ammalata di cuore. Non è un brutto sogno ma la triste realtà davanti alla quale ci siamo trovate quando ci hanno segnalato la storia straziante di Damiano e Luna. Noi come ormai sa chi ci conosce non ci siamo girati dalla altra parte. Abbiamo fatto i salti mortali x togliere dall'asfalto rovente di questi giorni i due disperati. Abbiamo trovato una casetta x non separarli, si... perché Luna senza il suo Damiano non avrebbe vissuto un solo giorno dietro le sbarre di un canile. Ma adesso i conti come al solito non tornano ed eccoci qui a chiedere ancora una vostra zampa. Un piccolo aiuto che possa fare anche questo miracolo per pagare l'affitto a queste due anime straziate. Anche una offerta di lavoro qualunque, per Damiano sarà un regalo! Vi preghiamo ancora: non ci abbandonate!!! Perché INSIEME si può......anche l'impossibile!

Lettera aperta dalle Amiche di Lù

Noi Amiche di Lù siamo un gruppo di 9 giovani donne napoletane che si sono conosciute ed unite grazie all'amore per gli animali che ciascuna di noi da sola cercava di aiutare e di togliere dalla strada.
Oggi, tutte insieme e dividendoci i compiti, raccogliamo i cani e gatti in difficoltà e dopo averli resi "adottabili" cerchiamo loro una famiglia che gli regali una vita degna di tale nome...
Chi conosce la nostra città sa perfettamente cosa significhi vivere in un posto che ogni giorno diventa la TOMBA per centinaia di animali indifesi, ignorati dalle persone quando va bene e torturati e uccisi quando va male. Le cure necessarie per queste povere creature sono costosissime e se a loro aggiungiamo le decine di cani e gatti che abbiamo nelle pensioni è facile comprendere quanto la situazione sia difficile. In questa città ci sono più animali abbandonati che persone e d'altronde se fossimo indifferenti non avremmo scelto di fare le volontarie, ma ogni giorno che passa la situazione peggiora: i nostri telefono squillano continuamente non per richieste di adozioni, ma grazie alle DECINE di ignoranti, impazienti di sbarazzarsi dei loro cani e dei loro gatti padronali…….. e noi IMPOTENTI E PIENE DI RABBIA siamo costrette a sottostare a questi vili ricatti per evitare che siano gli animali gli unici a rimetterci: qui l'abbandono è la soluzione del problema, tanto il microchip a Napoli è un'illustre sconosciuto.
Per questo ci facciamo carico di questi animali: li prendiamo e li mettiamo in pensione in attesa di adozione, perchè in questo inferno non esistono persone che siano disposte ad ospitare animali per brevi periodi e quei pochi che raramente si offrono ci chiedono cifre che vanno si trovano dai 5-10 euro fino ai 20 al giorno. Abbiamo in media 30 cani ed altrettanti gatti in pensione: i debiti con le pensioni e le cliniche veterinarie aumentano ogni mese: la mancanza di sistemazioni gratuite casalinghe ci ha costrette ad utilizzare le cliniche come appoggio perchè non abbiamo alternative se non la strada. Persino i canili (eviterò di fare nomi) di grandi associazioni danno i nostri numeri di telefono, non per le adozioni (molte blasonate associazioni fanno quasi solo adozioni a distanza, incamerano soldi a vita e condannano i cani all’ergastolo) ma per farci mollare ancora altri cani: riuscite ad immaginare un canile con 600 cani e sovvenzioni milionarie che da i numeri di telefono di volontarie come noi armate solo di tanta volontà...........????!!!!!!!!
Tutte noi lavoriamo come impiegate e visti gli stipendi, nonostante l’aiuto di sostenitori ed amici, purtroppo non riusciamo più a fare fronte alle spese.
Se la situazione non cambierà o quanto meno non migliorerà, da domani alla vista dell’ennesimo animale in difficoltà dovremo voltarci dall'altra parte.
I nostri cani sono arrivati feriti, investiti, torturati, denutriti e ricoperti di zecche, li abbiamo curati nell'aspetto ma non possiamo farlo nell'animo finchè resteranno in canile: con il tempo le sbarre inevitabilmente toglieranno loro anche la voglia di avvicinarsi alla rete per avere una carezza. Alcuni di loro già oggi non escono nemmeno più dalla cuccia e trascorrono la giornata con lo sguardo fisso nel vuoto, senza nessuna speranza. E noi oggi non siamo più nemmeno in grado di aiutarli, nè quelli che già ci sono nè altri dinanzi ai quali dobbiamo chiudere gli occhi e volgere lo sguardo altrove facendo finta di non averli MAI visti….
Noi cerchiamo disperatamente e con tutte le nostre forze di intervenire tutta le volte che è fisicamente possibile : ma la nostra guerra quotidiana in questa terra malata ci ha ridotte allo STREMO ECONOMICAMENTE E MORALMENTE: senza armi e DA SOLE non abbiamo nessuna speranza di vincerla.
E non lo diciamo per noi ma per i nostri animali per i quali siamo forse l'unica speranza di vita che abbiano mai avuto.