martedì 14 giugno 2011

Vis sopravvissuto a crudeltà ed indifferenza !

Oggi Vis è così !




 Ma 3 mesi fa questo era il suo aspetto... Sotto troverete la sua storia, quella di un cane invisibile quasi ucciso dall'indifferenza delle persone.
Oggi è un altro cane, ma senza che abbia una famiglia i nostri sforzi saranno stati vani. E dopo aver tanto combattuto per riuscire a salvarlo ed a renderlo un cane sereno, non riusciamo a concepire che non ci sia per lui un lieto fine. Fate in modo che l'indignazione che migliaia di persone hanno manifestato nel vedere le sue foto si trasformi nella ferrea e determinata volontà di trovargli casa. Diversamente avrà vinto l'indifferenza di chi avrebbe voluto morisse sul ciglio della strada....


                                     
La storia di Vis (da leggere dal basso)



AGGIORNAMENTI DEL 6 aprile



Oggi Vis è stato dimesso dalla clinica ed ha cominciato la sua nuova vita. Per ora è a casa di una di noi in attesa di trovargli un'adozione speciale almeno quanto lo è lui.. E' un cagnetto allegrissimo, avrà circa 6 anni ed è piccino, non arriva a 12 kili, passa il tempo a scodinzolare, è affettuoso con tutti, è buono con i suoi simili, anche con i maschietti. Ha già imparato a fare i bisogni fuori in passeggiata e sulle quelle 3 zampette corte corre velocissimo e con la coda sempre in movimento.. Tutto quello che ha subito non ha lasciato nessun segno nel suo carattere che continua ad essere gioioso e pieno di voglia di vivere.... Saprà regalare gioia a chiunque decidera di adottarlo !!!!


Ecco un suo breve video : http://leamichedilu.blogspot.com/2011/04/il-video-di-vis-guardate-quanto-e.html



AGGIORNAMENTI DEL 22 marzo


Ciao a tutti, ho appena finito di parlare con il dottore Mario Vitulano, il veterinario che ha seguito Vis e che credo sia giunta l'ora di ringraziare pubblicamente perchè di veterinari bravi ce ne sono ma bravi e che amino sinceramente gli animali, purtroppo molto meno. Domani Vis sarebbe potuto uscire ma per evitargli un ulteriore cambiamento il Dott. Vitulano si è offerto di tenerlo con lui in clinica un'altra settimana (dove gira libero e socializza con pazienti e padroni :-))... ) per darci modo di continuare a cercargli adozione. Vis sta finalmente bene, grazie a tutti quelli che ci stanno aiutando, ora troviamogli una famiglia con i fiocchi :-)) !!!!

 
AGGIORNAMENTI DEL 14 marzo



Il nostro coraggioso amico VIS sta facendo progressi rapidissimi, le analisi sono ottime, i valori sono rientrati nella normalità e se continua cosi' entro fine settimana gli verrà rimosso anche il drenaggio.


Lui nel frattmpo è diventato la mascotte della clinica, gira libero tutto il giorno: accoglie i nuovi pazienti e si precipita a prendere coccole dai loro padroni .... Probabilmente ad inizio settimana prossima verrà dimesso :-))

 
AGGIORNAMENTI DEL 07 marzo


Vis è stato operato nuovamente e l'intervento è riuscito: sono state tolte diverse sacche di materiale sieroso e parecchio tessuto necrotico, gli è stata fatta una pulizia profonda ed è stato inserito un drenaggio che dovrà restare in sede per qualche giorno. Nel frattempo lui gironzola in giro per la clinica e si gode le coccole di pazienti e medici, preagustando quella chesarà la sua nuova vita in famiglia che stiamo facendo di tutto affinchè cominci il giorno stesso in cui verrà dimesso !!



AGGIORNAMENTI DEL 04 marzo






Le notizie che abbiamo ricevuto dalla clinica pochi minuti fa sono confortanti:


I valori delle analisi stanno rientrando nella normalità sia quelli epatici che l'emoglobina, Vis reagisce alle cure e riesce anche a camminare !! Le diverse piaghe che aveva, mostrano evidenti segni di miglioramento, la superficie interessata si riduce e si sta formando la nuova pelle; resta da capire il motivo per il quale a volte lancia dei guaiti terribili anche senza che nessuno lo tocchi, secondo il veterinario esiste la possiblità che durante l'intervento qualche terminazione nervosa non sia stata incapsulata e che il suo sfregamento sui muscoli gli procuri questi dolori fortissimi ed improvvisi. Domani in giornata Vis verrà operato per rimuovere il tessuto necrotico rimasto all'interno della ferita e potremmo avere anche le risposte a queste domande...Grazie a tutti quelli che stanno mostrando affetto per lui e che ci stanno aiutando economicamente, siamo certe che lui adesso sappia che non gli accadrà mai più nulla di male...




AGGIORNAMENTI DEL 02 marzo



Vis sta mangiando e quindi recuperando forze ma i problemi da risolvere sono ancora molti. Ha una forte insifficienza epatica che potrebbe essere dovuta all'infezione e all'intervento subito ma per ora è presto per dirlo. Ha una gigantesca e purulenta piaga da decubito larga dieci centrimetri sulla coscia dovuta forse alla permenenza nelle sue urine...Ha un'altra piaga all'interno della coscia, inoltre dall'ecografia fatta ieri (che ha escluso masse tumorali al fegato) è emerso che ha probabilmente del tessuto necrotico all'interno della ferita, causa questa dell'infezioni in corso.. Quindi il veterinario ritiene opportuno aspettare anmcora 48 ore e poi operarlo nuovamente...Grazie a chi ci sostiene moralmente ed economicamente, Vis è un cagnolino dolcissimo e speriamo che quando starà meglio ci sia già una famiglia pronta ad accoglierlo. AL momento abbiamo già diverse offerte di adozione ovviamente da verificare accuratamente...


*********** 28 febbraio 2011 ************


Oggi siamo riuscite a prenderci Vis ed a ricoverarlo presso una struttra privata. E' un cagnolino timoroso e docile, nonostante il dolore si è fatto visitare senza opporre resistenza. Purtroppo le prime notizie non sono buone, la ferità si è parzialmente aperta e c'è un'infezione in corso (ho dovuto far lavare la macchina perchè l'odore dovuto al pus era terribile..), gli è stato fatto un prelievo per capire il quadro generale quale sia. Al momento le notizie certe sono che non è giovanissimo, ha circa 8 anni e pesa solo 13 kili. L'occhietto lo ha perso per un trauma precedente, ma nonostante tutto questo mentre lo accarezzavo mi scodinzolava...Ora resterà ricoverato fin quando sarà necessario e le spese inevitabili si aggiungeranno a quelle che già oggi non siamo purtroppo in grado di saldare se non parzialmente.


Rinnoviamo l'invito a tutte le persone che ci conoscono e si fidano di noi ad aiutarci con una adozione a distanza, anche soli 10 euro al mese significano salvare Vis e gli altri sfortunati che già ci sono e che purtroppo arriveranno anche domani...



 ******** 23 febbraio 2011 *************




Per ridurre un cane in questo stato non basta un giorno ed i colpevoli sono tanti: chi ha fatto finta di non vederlo, chi lo ha picchiato facendogli perdere l'occhio ed infine chi lo ha investito lasciandolo a morire di setticemia per l'infezione alla zampa.
Vis al momento è in sala operatoria e l'unica cosa che sappiamo è che sin da ora dobbiamo trovargli adozione per riuscire a diminuire la vergogna di appartenere alla razza umana.

http://www.amichedilu.it/  



Nessun commento:

Posta un commento

Lettera aperta dalle Amiche di Lù

Noi Amiche di Lù siamo un gruppo di 9 giovani donne napoletane che si sono conosciute ed unite grazie all'amore per gli animali che ciascuna di noi da sola cercava di aiutare e di togliere dalla strada.
Oggi, tutte insieme e dividendoci i compiti, raccogliamo i cani e gatti in difficoltà e dopo averli resi "adottabili" cerchiamo loro una famiglia che gli regali una vita degna di tale nome...
Chi conosce la nostra città sa perfettamente cosa significhi vivere in un posto che ogni giorno diventa la TOMBA per centinaia di animali indifesi, ignorati dalle persone quando va bene e torturati e uccisi quando va male. Le cure necessarie per queste povere creature sono costosissime e se a loro aggiungiamo le decine di cani e gatti che abbiamo nelle pensioni è facile comprendere quanto la situazione sia difficile. In questa città ci sono più animali abbandonati che persone e d'altronde se fossimo indifferenti non avremmo scelto di fare le volontarie, ma ogni giorno che passa la situazione peggiora: i nostri telefono squillano continuamente non per richieste di adozioni, ma grazie alle DECINE di ignoranti, impazienti di sbarazzarsi dei loro cani e dei loro gatti padronali…….. e noi IMPOTENTI E PIENE DI RABBIA siamo costrette a sottostare a questi vili ricatti per evitare che siano gli animali gli unici a rimetterci: qui l'abbandono è la soluzione del problema, tanto il microchip a Napoli è un'illustre sconosciuto.
Per questo ci facciamo carico di questi animali: li prendiamo e li mettiamo in pensione in attesa di adozione, perchè in questo inferno non esistono persone che siano disposte ad ospitare animali per brevi periodi e quei pochi che raramente si offrono ci chiedono cifre che vanno si trovano dai 5-10 euro fino ai 20 al giorno. Abbiamo in media 30 cani ed altrettanti gatti in pensione: i debiti con le pensioni e le cliniche veterinarie aumentano ogni mese: la mancanza di sistemazioni gratuite casalinghe ci ha costrette ad utilizzare le cliniche come appoggio perchè non abbiamo alternative se non la strada. Persino i canili (eviterò di fare nomi) di grandi associazioni danno i nostri numeri di telefono, non per le adozioni (molte blasonate associazioni fanno quasi solo adozioni a distanza, incamerano soldi a vita e condannano i cani all’ergastolo) ma per farci mollare ancora altri cani: riuscite ad immaginare un canile con 600 cani e sovvenzioni milionarie che da i numeri di telefono di volontarie come noi armate solo di tanta volontà...........????!!!!!!!!
Tutte noi lavoriamo come impiegate e visti gli stipendi, nonostante l’aiuto di sostenitori ed amici, purtroppo non riusciamo più a fare fronte alle spese.
Se la situazione non cambierà o quanto meno non migliorerà, da domani alla vista dell’ennesimo animale in difficoltà dovremo voltarci dall'altra parte.
I nostri cani sono arrivati feriti, investiti, torturati, denutriti e ricoperti di zecche, li abbiamo curati nell'aspetto ma non possiamo farlo nell'animo finchè resteranno in canile: con il tempo le sbarre inevitabilmente toglieranno loro anche la voglia di avvicinarsi alla rete per avere una carezza. Alcuni di loro già oggi non escono nemmeno più dalla cuccia e trascorrono la giornata con lo sguardo fisso nel vuoto, senza nessuna speranza. E noi oggi non siamo più nemmeno in grado di aiutarli, nè quelli che già ci sono nè altri dinanzi ai quali dobbiamo chiudere gli occhi e volgere lo sguardo altrove facendo finta di non averli MAI visti….
Noi cerchiamo disperatamente e con tutte le nostre forze di intervenire tutta le volte che è fisicamente possibile : ma la nostra guerra quotidiana in questa terra malata ci ha ridotte allo STREMO ECONOMICAMENTE E MORALMENTE: senza armi e DA SOLE non abbiamo nessuna speranza di vincerla.
E non lo diciamo per noi ma per i nostri animali per i quali siamo forse l'unica speranza di vita che abbiano mai avuto.